Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite è inorridito per le condizioni delle strutture per migranti in America

L’alto commissario U.N. per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha dichiarato di essere inorridita dalle condizioni in cui gli Stati Uniti ospitano migranti e rifugiati.

“Come pediatra, ma anche come madre e ex capo di stato, sono profondamente scioccato dal fatto che i bambini siano costretti a dormire sul pavimento in strutture sovraffollate, senza accesso ad un’assistenza sanitaria o alimentare adeguata e con condizioni igieniche inadeguate,” Bachelet ha detto in una dichiarazione.

Bachelet ha affermato che gli organismi per i diritti umani degli Stati Uniti hanno rilevato che la detenzione di bambini migranti può costituire un trattamento inumano o degradante e potrebbe violare il diritto internazionale.

“Detenere un bambino anche per brevi periodi in buone condizioni può avere un grave impatto sulla salute e sullo sviluppo – considera il danno che viene fatto ogni giorno lasciando che questa situazione allarmante continui”, ha detto.

L’ufficio dell’ispettore generale del Dipartimento della Sicurezza Nazionale ha pubblicato un rapporto la settimana scorsa, delineando “il sovraffollamento pericoloso” e “la detenzione prolungata di bambini e adulti” presso le strutture di confine nella valle del Rio Grande in Texas.

Il rapporto includeva foto che illustrano il sovraffollamento dei migranti in aree piccole e recintate.

I funzionari hanno respinto i rapporti sulle condizioni insalubri e malsane, che sono state ripetute dall’ispettore generale, dai legislatori e nei conti dei bambini migranti detenuti.

Il presidente Trump ha tweettato domenica che le condizioni delle strutture sono state esagerate.

“The Fake News Media, in particolare Failing @nytimes, sta scrivendo account fasulli ed esagerati dei Centri di detenzione ai confini”, ha scritto su Twitter Trump.

Bachelet sta esortando le autorità a trovare alternative non ordinarie ai migranti e ai rifugiati.

La detenzione dovrebbe essere “l’ultima spiaggia” e per il più breve tempo possibile, ha detto.

“Nella maggior parte di questi casi, migranti e rifugiati hanno intrapreso viaggi pericolosi con i loro bambini in cerca di protezione e dignità e lontano dalla violenza e dalla fame”, ha detto Bachelet. “Quando finalmente credono di essere arrivati ​​in sicurezza, potrebbero ritrovarsi separati dai loro cari e rinchiusi in condizioni non dignitose, ma questo non dovrebbe mai accadere da nessuna parte”.

Marte Bernardello

Marte è un commerciante specializzato e ha un grande interesse per la tecnologia. È responsabile dello svolgimento di tutte le ricerche necessarie quando si tratta di analisi tecniche delle scorte, nonché di esaminare gli ultimi gadget che presentiamo qui.

[email protected]